Clicca per tornare alla home page del sito - Italiani a Barcellona - Il sito degli Italiani che vivono o vorrebbero vivere e lavorare a Barcellona


Blog
 
Di Ivano (del 14/04/2019 @ 22:17:54, in Lavoro a Barcellona, linkato 15 volte)
Salve a tutti,

Vorrei dare un aggiornamento agli Italiani che stanno cercando lavoro a Barcellona. Da premettere che sono arrivato a Barcellona nel 2010 e che ho vissuto i tempi della crisi economica iniziata nel 2008. Molti degli Italiani che vivono qui da tempo sanno di cosa sto parlando. Facendo un bilancio della situazione ad oggi (Aprile 2019) ci sono stati cambiamenti positivi e negativi che vanno ad incidere su diversi settori e tipi di lavoro, non c’è una formula esatta quando dico che le ‘cose vanno bene’, perché potrebbe essere che le cose vadano bene su settori specifici e su ruoli/lavori specifici ma non su altri. Oltre a questo bisogna saper proiettarsi in base alle proprie esigenze, età media, fase di vita e aspettative sulla propria vita che non è mai la stessa per tutti.

A Barcellona ho lavorato in multinazionali e piccole/medie aziende (chiamate ormai anche startups) e su diversi settori: software, ecommerce, digital marketing e con ruoli diversi. Quindi le mie esperienze non possono essere applicate a tutti i settori e ruoli perché sono personali e quindi soggettive.

Dal mio punto di vista gli Italiani qui a Barcellona hanno ottime possibilità di trovare lavoro se vengono preparati e con voglia di lavorare.

La sensazione che si respira nell’aria è quella di ottimismo, di crescita e di opportunità e questo si vede un po’ dappertutto e su tutti i settori: dalle case e uffici in costruzione (su questo scriverò un altro articolo) al fatto che si vedono molti giovani con figli felici e contenti per le strade di Barcellona, bar e ristoranti sempre pieni quasi tutto l’anno (specialmente e ovviamente in alta stagione).

Prima di tutto bisogna capire che cosa crea il lavoro a Barcellona? A parte la situazione economica, ci sono dei fattori socio-politici che sono stati messi in atto negli ultimi anni che hanno portato investimenti dall’estero. Questi investimenti si sono trasformati in nuove aziende, nuovi uffici, nuovi ristoranti e hotel e quindi nuovi lavori. Ma da dove vengono questi investimenti? E perché hanno scelto Barcellona?

Ci sono tanti motivi per il quale un’azienda voglia trasferire le proprie attività a Barcellona. Secondo una rivista chiamata ‘World’s Best Cities’ (le migliori Cittá al mondo), Barcellona viene posizionata all’ottavo posto:

1. London 2. New York 3. Paris 4. Moscow 5. Tokyo 6. Singapore 7. Dubai 8. Barcelona 9. San Francisco 10. Chicago

(Sorgente: Best Cities)

I fattori principali che vengono elencati sono: - Clima idilliaco tutto l’anno

- Mix tra architettura surrealista e spiagge kilometriche

- Quartieri che ti fanno sentire parte di un paesino ma con i benefici del vivere in una grande Città

- Al secondo posto subito dopo Tokyo a livello urbanistico e di vivibilità

- Alta qualitá della vita in relazione a lavoro, ambiente, infrastrutture.

Per quanto riguarda il lavoro, ci sono molte più opportunità adesso di quanto ce ne siano state negli ultimi anni, grazie al fatto che molte aziende hanno aperto sedi a Barcellona. Per farvi alcuni esempi: Amazon, Facebook hanno aperto nuovi uffici e tante start up spagnole che hanno ricevuto il sostegno economico per crescere e contrattare personale a livello internazionale. Molte delle opportunità in queste aziende cercano personale giovane, che parlino l’Inglese e che abbiano delle competenze minime per lavorare in questo tipo di settori come per esempio esperienza in marketing digitale o basta qualche esperienza nel campo di servizio al cliente.

Scriveró un altro articolo solo sui tipi di lavori e darvi qualche consiglio su dove cercare, come cercare e spiegarvi meglio le dinamiche di alcune aziende dove ho lavorato. Per qualsiasi dubbio o domanda o per chi volesse collaborare al sito scrivetemi pure all’indirizzo email: italianoabarcellona@gmail.com

Grazie e a presto!
Condividi su Facebook
 
Di Ivano (del 07/04/2019 @ 22:56:09, in Sito, linkato 20 volte)
Ciao a tutti,

Sono un Italiano residente a Barcellona dal 2010. Vorrei contribuire in maniera positiva alla comunità Italiana a Barcellona e all'estero.

Italianiabarcellona.com è stato il primo sito pubblicato per gli Italiani a Barcellona! per precisione è nato il 30 agosto 2006, forse anche tra i primi in Europa per gli Italiani in un paese estero.

Ho appena acquisito e preso in gestione il sito di Massi per continuare ad aggiornare tutti voi Italiani residenti a Barcellona.

Da oggi, in maniera periodica, cercherò a comunicarvi aggiornamenti in ambito:

- Stato del mercato lavorativo

- Stato del settore immobiliare - per chi stesse cercando casa in affitto o per investimenti interni o dall'estero. Sono abilitato con licenza AICAT.

- Aggiornamento amministrativo e burocratico per chi risiede o vorrebbe risiedere a Barcellona

- Aggiornamento socio-politico sulla situazione legata all'indipendentismo e generale in Spagna sulle nuove leggi

- Aggiornamento sui vari eventi, attività, concerti a Barcellona

- Notizie sulla Città: a livello urbanistico e di architettura e di interesse pubblico

- Collaborazione con le altre entità italiane a Barcellona per l'interesse dei residenti

- Consolidare la comunità di Italiani a Barcellona

- Informazioni su corsi di formazione: in particolare sulle lingue: Spagnolo, Catalano, Inglese e su corsi di formazione in ambito professionale

- Dove mangiare il miglior cibo locale ma non solo! anche dove trovare il miglior cibo italiano a Barcellona!

- Offerte e sconti in ambito socio-culturale.

Oltre a questo metterò a disposizione una serie di articoli interessanti e rilevanti per gli Italiani a Barcellona.

Per collaborazioni scrivetemi pure all’indirizzo email: italianoabarcellona@gmail.com (con la parola ‘italiano’ e non ‘italiani’).

Grazie ancora per il vostro interesse e a presto!

Ivano
Condividi su Facebook
 
Di Massi (del 05/10/2011 @ 14:37:04, in Lavoro a Barcellona, linkato 18629 volte)
A seguito delle molte mail che ho ricevuto negli ultimi giorni, successivamente alla trasmissione "Presa Diretta", in cui si descriveva Barcellona come il paradiso terrestre per gli Italiani in fuga, voglio riportare la bella lettera pubblicata sul sito "Spaghetti BCN"

Lettera aperta a Riccardo Iacona

Siamo italiani residenti a Barcellona ed abbiamo assistito al programma Presa Diretta di Domenica 2 Ottobre.

Riteniamo opportuno replicare su alcuni concetti enunciati in forma parziale nel programma.

Soprattutto ci preme sottolineare che:

- Comprendiamo quanto sia difficile suggerire un’idea completa di una comunità numerosa ed eterogenea come quella italiana a Bcn. Tuttavia, gli esempi riportati non sono rappresentativi della complessità cui accennavamo. La realtà dell’emigrazione, anche solo giovanile, è molto più variegata e non sempre coincide con i parametri tradizionali dell’apparente “successo” in campo lavorativo.
Più che una fotografia è stata offerta una “rappresentazione” fuorviante della realtà, in cui facciamo fatica a riconoscerci.

Per quanto concerne il discorso sulla normativa del lavoro in Spagna riteniamo doveroso precisare che:

- Il contratto a tempo indeterminato spagnolo nulla ha a che vedere con quello nostrano. Pensiamo dunque non si possa fare un paragone fra i due sistemi senza portare degli esempi chiari.
Dobbiamo far presente che, con il contratto a tempo indeterminato, è altresì possibile licenziare, in Spagna, senza giusta causa, pagando solo un’indennità al lavoratore (recentemente ridotta dal governo Zapatero).

- Inoltre i contratti a tempo determinato sono arrivati ad essere, qui, il 30% del totale e più del 90% dei nuovi contratti sono a termine. I datori di lavoro (anche l’amministrazione pubblica!!!) hanno abusato e continuano ad abusare di questo tipo di contratti anche quando non sarebbero necessari.

- Le persone intervistate “che hanno trovato lavoro in 4 giorni” non trovano riscontro con la situazione presente. Secondo i dati del Ministerio del Trabajo pubblicati il 4 ottobre 2011, la Catalogna è la seconda comunità autonoma con il più alto incremento di disoccupazione nel settembre 2011 (16.282 ossia il 2,78% in più rispetto ad agosto) con un numero di disoccupati che supera le 600.000 persone (20%).

- Per quanto concerne gli stagisti, in Spagna ci sono, si chiamano “becarios”, e il problema è all’ordine del giorno.

Fornire allo spettatore un’informazione incompleta risulta ingannevole, perché si suscitano ed alimentano aspettative incongruenti rispetto alla realtà.

Citiamo, come esempio limite, quanto accaduto ad un noto sito web di Barcellona, Spaghetti Bcn, le cui visite, dopo la trasmissione, sono più che raddoppiate, secondo le chiavi di ricerca: lavoro a Barcellona, vivere a Barcellona, trasferirsi a barcellona, aprire un’attività commerciale a Barcellona. Una coppia italiana con contratto a tempo indeterminato in Italia, chiede se non sia il caso di licenziarsi e trasferirsi in Catalogna. ( Link )

Riteniamo che, se si voleva sollevare un onesto dibattito sul precariato in Italia e sulla necessaria riforma della normativa sul lavoro, non si doveva farlo utilizzando in maniera distorta l’informazione.
Tutto ciò suscita erronee ed esagerate aspettative e, in molti casi, un grave sentimento di frustrazione in alcuni per non far parte dei pochi eletti che hanno “trionfato” in altri per considerarsi dei “codardi” che non hanno il coraggio di “mollare tutto in Italia” correndo incontro ad un futuro “radioso”.

Non è corretto trattare in maniera riduttiva temi che hanno a che vedere con la vita e la sensibilità delle persone

Un caro saluto

Hanno aderito:
Giusi Garigali, Marco Giralucci, Espatriati.it, Spaghetti BCN, Augusto Casciani, Gabriele Carteni, Nicola Tanno, Francesca Arcara, Federica Garuti, Marco Rossano, Daniele Pistolato



Vi consiglio di far riferimento direttamente all'articolo originale per commenti e scambi di opinioni.
 
Condividi su Facebook
 
Di Massi (del 09/07/2010 @ 00:31:26, in Vita a Barcellona, linkato 7681 volte)
Date un'occhiata a questo video, è molto interessante:


Condividi su Facebook
 
Di Massi (del 06/07/2009 @ 01:03:58, in Lavoro a Barcellona, linkato 16874 volte)
Bentrovati: come avrete notato, ultimamente non ho avuto molto tempo da dedicare al blog.
Putroppo in questo periodo, per alcune mie ragioni personali, non ho modo di aggiornare regolarmente il sito con nuovi articoli e/o filtrare i commenti inseriti (cosa che di solito non faccio !).

L'articolo in oggetto però è diventato sede di  una serie infinita di insulti e battibecchi tra utenti.
Purtroppo, sempre per miei problemi, non ho modo di dedicare tempo per sviluppare un sistema di controllo rigido, con registrazione formale etc. etc

Questa sera ho cancellato d'ufficio gli ultimi e più inutili commenti però, per il futuro,vi prego di astenervi dagli insulti, i commenti fuori luogo e/o inutili.
Dato però che non mi piace fare il censore, vorrei appellarmi, anche per rispetto del lavoro che finora ho fatto, al vostro buon senso,
Altrimenti mi vedrò costretto a bloccare totalmente i commenti agli articoli fino a data futura: onestamente vorrei evitare di arrivare a tanto.

Grazie
Condividi su Facebook
 
Di Massi (del 24/04/2009 @ 12:10:51, in Vita a Barcellona, linkato 12050 volte)
25 aprile a Barcellona - Parc Estació del Nord

IL PASSATO È PRESENTE - IL PRESENTE È FUTURO

Festa – evento della comunità italiana di Barcellona
Spettacoli, mostre, gesti e parole di conforto

Sabato 25 aprile, ore 15-20
Parc de l'Estació del Nord
Arc de Triomf (sortida Nàpols)

Condividi su Facebook
 
Di Massi (del 26/03/2009 @ 08:29:47, in Vita a Barcellona, linkato 26537 volte)
E' da qualche mese che sul sito Italians in Barcelona si discute sul tema "Radio Italiana a Barcellona".
Per chi fosse interessato, questo Martedì ci si incontrerà per confrontarsi sul tema, capire quali sono le reali risorse su cui contare (umane, tecniche ed economiche) e quanto è fattibile l'idea.

I dettagli dell'incontro sono:

Locale: La Cova de les Cultures
Indirizzo: carrer de l'Angel, 12 bajos - 08012 (metro fontana)

Data: Martedì 31 Marzo dalle 19:00 alle 21:00


Non è possibile cambiare l'appuntamento e non c'è bisogno di confermare la partecipazione: chi è interessato viene direttamente alla Cueva.
Condividi su Facebook
 
Di Massi (del 16/03/2009 @ 00:36:15, in Vita a Barcellona, linkato 5874 volte)
Vi giro un annuncio che mi ha inviato una mia amica.
Conosco l'appartamento e garantisco :)


SI AFFITTANO DUE STANZE A PARTIRE DAL PRIMO APRILE

L’appartamento si trova in Avinguda Meridiana, fermata della metro Sagrera (linea rossa e blu), a 5 minuti dalla fermata.

È un appartamento abbastanza nuovo e grande, composto da 3 stanze, una cucina abitabile con annessa lavanderia/ripostiglio, un salotto grande con 2 divani, un tavolo grande, tv, balcone e un bagno.

Le stanze che si affittano sono interne (danno sul cosiddetto “patio interior”) ed hanno letto (una ha 2 letti), comodino, scrivania, libreria e armadio.

L’appartamento non da sulla Meridiana, ma su un parco, quindi è abbastanza tranquillo.

L’affitto è di 322 euro al mese, spese escluse (luce, acqua, gas). Ci sono anche telefono fisso e Internet, e anche queste sono spese a parte.

Se sei interessato, puoi chiamare al numero 671338606 o scrivere una mail all’indirizzo russo.ste chiocciola gmail.com.



Condividi su Facebook
 
Di Massi (del 26/02/2009 @ 10:41:41, in Lavoro a Barcellona, linkato 29885 volte)
Penso sia arrivato il momento di affrontare seriamente questo tema, senza troppi giri di parole: a Barcellona non si riesce più a trovare lavoro.

La crisi sta colpendo duramente tutta la Spagna e Barcellona ovviamente non ne è rimasta indenne, anzi. La spagna è la nazione europea con la maggior percentuale di disoccupazione (intorno al 14%, con previsioni dicrescita fino al 20%) e la Catalunya sembra essere la regione più colpita ( fonte La Vanguardia ).

Mi ricordo qualche anno fa, appena arrivato: era tutto un fermento di call center, di aziende multinazionali, di imprese "guiri" e agenzie di lavoro interinale. Nel giro di un paio di settimane era possibile incontrare un lavoro sufficientemente dignitoso per iniziare la propria esperienza Catalana con ragionevole tranquillità.

Oggi invece,non si muove niente.I call center hanno chiuso, stanno chiudendo o hanno bloccato le assunzioni. Le multinazionali che una volta investivano a Barcellona, si stanno spostando in altri paesi più economici e altrettanto validi, le agenze interinali non hanno committenti e i siti tipo infojobs riciclano continuamente le stesse offerte, per giunta prese d'assalto da centinaia e centinaia di candidature. Di conseguenza, anche i lavori tipo cameriere, barista, commessa etc. etc. diventano difficili da trovare, dato che molte persone, in attesa di tempi migliori, si riversano verso questo tipo di attività.

In questo periodo chi il lavoro ce l'ha se lo tiene stretto, chi lo perde ha difficoltà enormi per trovarne un altro. E questo vale per gli Spagnoli, per i Catalani e, molto di più, per noi Italiani.

Purtroppo, ragazzi, Barcellona non è più l'alternativa al precariato italiano: non si può più venire a Barcellona per trovare in poco tempo un lavoro dignitoso in un call center o simili. Bisogna capire che venendo in questo momento, si rischia seriamente di passare mesi senza lavoro, per poi tornarsene a casa con meno soldi di prima.

In questo momento mi chiedo ancora di più qual'è il valore aggiunto che può portare un Italiano a Barcellona, o perlomeno quale può essere il valore aggiunto PERCEPITO da un eventuale datore di lavoro... la lingua ormai non lo è più da un pezzo.

Il mio consiglio? Se in Italia avete un lavoro, cercate di non lasciarlo! E provate ad arrivare qui con un qualcosa in mano. Altrimenti prendete seriamente in considerazione la possibilità concreta di non trovare niente e farvi una bella vacanza.
Condividi su Facebook
 
Di Massi (del 30/01/2009 @ 10:12:28, in Vita a Barcellona, linkato 23814 volte)
Non so se già siete al corrente che Daniele Silvestri verrà il giorno 17 Febbraio a Barcellona per un concerto nella sala Bikini.
Ho appena parlato via mail con gli organizzatori e ci hanno offerto la possibilità di comprare entrate al 50% di sconto: 9€ invece di 18€... non male !

La promozione è attiva da domani e per comprare i biglietti occorre chiamare il  902101212 di Tel-Entrada della Caixa Catalunya e dire la parola chiave ITALIANO BARCELONA per approfittare dello sconto.

La promozione è valida per le prime 100 chiamate.

io sicuramente vado!!!!

Condividi su Facebook
 
Di Massi (del 29/01/2009 @ 23:54:55, in Vita a Barcellona, linkato 5262 volte)
Questa volta sfrutto un pò il blog per motivi di famiglia.
Mia sorella (anche lei vive a Barcellona) sta affittando 2 stanze del suo appartamento in Gracia.

L'annuncio è valido fino alla fine di Febbraio (poi lascierà l'appartamento) e le stanze possono essere affittate per settimane o per tutto il mese di Febbraio. Il prezzo dipenderà dalla lunghezza della permanenza, quindi meglio se chiedete direttamente a lei.

La casa è molto carina ed accogliente, completamente arredata, piena di luce e in una strada molto tranquilla. Le stanze hanno entrambe il letto matrimoniale

Se vi interessa, mandatele una mail all'indirizzo crilla_c CHIOCCIOLA hotmail.com
Condividi su Facebook
 
Di Massi (del 04/01/2009 @ 01:50:11, in Vita a Barcellona, linkato 33061 volte)
Buon anno a tutti !!
Apro questo 2009 riportando un articolo pubblicato dal Periodico, in cui si analizzano i motivi per cui noi italiani veniamo a vivere a Barcellona e perchè questa città è diventata così comune tra le destinazioni preferite per noi italiani.
L'articolo che riporto cita anche il nostro blog e alcuni frammenti di una lunga chiaccherata che ho avuto modo di fare con il giornalista Antonio Baquero.

Los italianos son ya el segundo colectivo extranjero en BCN

Como un imán cuyo magnetismo arrastra a través del Mediterráneo, Barcelona ha ido atrayendo desde hace cinco años, en una cadencia tan intensa como sostenida, a más y más italianos arribados no para hacer turismo, sino para instalarse y hacer su vida en la capital catalana. Tantos han sido los recién llegados del país transalpino, que esa comunidad ya supone el segundo colectivo extranjero en Barcelona. Si se mantiene el ritmo de crecimiento actual, que es del 16%, en dos años será el más numeroso en la ciudad.
Según datos del ayuntamiento, en la ciudad residen 21.655 personas de nacionalidad italiana. Ese número solo lo supera el colectivo ecuatoriano, con 23.863 personas. Hoy, en Barcelona habitan más italianos que marroquís, rumanos, paquistanís, bolivianos o argentinos. En toda la provincia hay 35.014 italianos, y en Catalunya, 43.678.

TENDENCIA DISTINTA
Además, en Barcelona se rompe la tendencia del resto de España, donde la mitad de residentes con pasaporte italiano proceden de países como Argentina o Uruguay y han conseguido esa nacionalidad por ser hijos o nietos de emigrantes italianos. En cambio, en la capital catalana, el 60% de los residentes con pasaporte italiano son nacidos en ese país, según su cónsul en Barcelona, Pietro de Martin.
Este movimiento demográfico lo protagonizan los denominados neolaureati, jóvenes recién licenciados en universidades italianas. "En la juventud italiana se ha consolidado la percepción de Barcelona como sociedad dinámica, abierta y con buenas oportunidades laborales", señala el diplomático, que destaca el desembarco de una amplia panoplia de profesionales intelectuales como arquitectos, médicos o científicos.
Prueba de ello es el éxito de la web www.italianiabarcellona.com, dirigida a italianos que viven o piensan vivir en la capital catalana y que dan consejos para obtener la tarjeta de residencia, encontrar trabajo o buscar piso. Massimiliano, autor de la iniciativa, enumera los factores que explican el poder de atracción de Barcelona. "Esta ciudad tiene, para muchos italianos, sobre todo jóvenes, la imagen de ser una urbe abierta, cosmopolita y que garantiza la fiesta. Eso hace que, una vez que se licencian, vengan a vivir aquí. El primer objetivo es residir en Barcelona. De hecho, para muchos, buscar trabajo es solo la manera de financiar su intención de vivir en la ciudad".

PROGRAMA DE LA MTV
Massimiliano destaca la enorme influencia que tuvo un espacio televisivo a la hora de poner en marcha el mito Barcelona entre los jóvenes italianos. "Era un programa de la MTV que se llamaba Italo Spagnolo. Se hacía desde un ático en el Born y el presentador explicaba la vida en Barcelona. Fue un éxito alucinante", cuenta.
Durante años, la presencia en la ciudad de centros de llamadas de decenas de multinacionales hizo que los italianos recién llegados encontraran empleo fácilmente. "Ahora, en cambio --añade Massimiliano--, hay tantos italianos en Barcelona que no basta con hablar italiano para lograr un empleo. Hay que venir con más capacitación profesional".
Valentina Natale, una joven napolitana licenciada en periodismo cultural y con una tesis en sociología de la comunicación, es una de los cientos de neolaureati llegados estos años. "Ahora en cualquier sitio oyes hablar italiano", cuenta, y afirma satisfecha que Barcelona ha cumplido sus expectativas. Esta joven distingue dos tipos de recién llegados: "Hay quien llega con un proyecto claro de trabajo o estudio. En cambio, muchos otros, sobre todo aquellos que son del sur de Italia, donde las cosas están mal, vienen a la aventura, a ver qué encuentran aquí".
La situación política ha llevado a muchos italianos a trasladarse a España, un país culturalmente cercano y que perciben como un oasis de libertad. "Son muchos los italianos que están hartos de la política de su país y que ven en España un lugar más libre", explica un periodista italiano residente en Barcelona. "Por no hablar de los gais, que aquí pueden acogerse a unas leyes más libres mientras que Italia deben soportar la presión de la Iglesia", añade.



Trovate l'articolo originale a questo link e tutti i commenti relativi a quest'altro indirizzo.
L'articolo è stato ripreso anche dal Corriere della Sera su questa pagina.

Inoltre, se vi interessa, vi consiglio di dare un'occhiata anche a questo articolo qui: contiene alcune esperienze di prima mano di altri "Italiani a Barcellona".


mi farebbe piacere leggere i vostri commenti a proposito.
Condividi su Facebook
 
Di Massi (del 18/11/2008 @ 20:05:21, in Vita a Barcellona, linkato 16450 volte)
Ho ricevuto qualche tempo fa una mail in cui un nostro lettore chiedeva informazioni su come stipulare un PACS a Barcellona e mi sono accorto che, sebbene sia un tema molto importante per molte persone, non è mai stato affrontato su questo blog.
Purtroppo non posso dare nessuna informazione, dato che non ho mai avuto modo di informarmi, però magari qualcuno di voi ne sa qualcosa e ha voglia di aiutare Alessandro (il nostro lettore) ?

Pubblico la sua email e vediamo che mi succede!

Ciao, sono Alessandro, ti rubo solo un minuto per chiederti una cosa.
Premetto che, per quanto mi piacerebbe, sono fuori tempo massimo per pensare di trasferirmi, ma ogni tanto, quando posso, faccio un salto a Barcellona per qualche giorno, ho bisogno di respirare la sua aria.
Ciò per cui ti disturbo è questo: sarò a Barcellona dal 28.12 al 04.01, e mi chiedevo se fosse possibile in quei giorni "celebrare" il PACS (o come si chiama lì) tra me e la mia compagna, secondo la legge catalana e/o spagnola; naturalmente in Italia (questo nostro disgraziato declinante Paese!) non avrebbe alcun valore ma ce l'avrebbe per noi, come coppia e anche "politicamente" ci farebbe sentire almeno un po' cittadini europei (civili e progrediti come in Italia non ci si può più sentire). Hai qualche informazione da darmi al riguardo? Sai a chi dovrei indirizzare la richiesta? Tempo fa avevo inviato una mail (in inglese) alla sede barcellonese del governo catalano, ma non mi hanno risposto, chissà a quale ufficio l'ho indirizzata, credo che non sia mai giunta nelle mani di qualcuno adatto a darmi un briciolo di risposta, oppure se ne sono fregati semplicemente.
Per inquadrare la questione ti aggiungo qualche breve informazione: io e la mia compagna stiamo insieme da più di vent'anni, abbiamo una figlia di dodici anni, io sono presidente di una cooperativa e la mia "morosa" è insegnante, questo per dire che il nostro desiderio è serio, non siamo ragazzini che vedono Barcellona come il posto della vita notturna e della sregolatezza.
Spero che potrai darmi (e ne avrai voglia) qualche informazione, in ogni caso grazie dell'attenzione.
Ciao.
Condividi su Facebook
 
Di Massi (del 17/10/2008 @ 09:57:40, in Vita a Barcellona, linkato 11503 volte)
Voglio riallacciarmi a questo post per riportare un mail che ho appena ricevuto.
Faccio un minimo di premessa per inquadrare la situazione: una mia amica, insieme ad altra gente, aveva organizzato una serata dal titolo "Noche Beat". 
Onestamente, non ho capito assolutamente di cosa si trattasse: immagino una delle classiche iniziative artistiche/intellettuali/festaiole tipiche di qui (e lo dico senza ironia, anzi !!).
La serata avrebbe dovuto svolgersi in uno dei tanti "spazi" della citta in cui cultura, arte e festa spesso si mischiano (o si mischiavano, nella vecchia Barcellona) : la Noia 'n Blau (purtroppo non sono mai stato, ma dal sito sembra un posto simpatico).

Ebbene, a meno di 24 dall'invito ricevo la seguente mail.
La riporto integralmente per farvi vedere qual'è la percezione di molti di noi residenti a Barcellona e invitarvi a riflettere attentamente sui motivi per cui volete trasferirvi a Barcellona.

Pues... en menos de 24h despuès de enviaros la invitación os escribo con la triste noticia de que postergamos la noche beat... El Noia N´Blau - como muchos otros garitos de Barcelona donde aún se puede disfrutar de algo parecido a arte alternativo - viene sufriendo desde hace rato la mala onda de los vecinos - los mimos que han acabado con la famosa La Paloma... - y se tiene de cerrar por un par de semanas (o eso esperamos).
Barcelona, la ciudad cartón mascarada de espacio creativo, se parece cada vez más a la película de Woody Allen en que el dueño del Marsella es simpatico y en la calle Robadors no hay prostitutas... La Rambla del Raval se llena gradualmente de hoteles (varias estrellas) y restaurantes "pijo-cool". Si te pasa por la cabeza reunir más de 20 amigos en un bar en que no te dejes el monedero limpio o no pagues 15 euros por la entrada, buena suerte amigo... Si los llevas a casa, te llaman los mossos... No suban la música, salgan de las calles, no se senten en las plazas, prohibido beber en la vias públicas. Si eres un guiri en tour turístico no pasa nada porque al fin y al cabo es de eso que vive la ciudad: Barcelona, el parque temático de diversiones. Ole Ole. Apuntemonos a clases de alemán y vayamonos todos a Berlín.

insomma... un'altro esemprio di "Regole di Convivenza Civile".
Io i vicini li capisco pure, ma le alternative quali sono ? Oppure va bene così e Barcellona è destinata a trasformarsi in una sorta di Disneyland del Mediterraneo ? Sangria, Flamenco, Gaudì e Casinò ?

La mail continua con la raccomandazione di un libro, "Odio Barcelona" che mi ha incuriosito (probabilmente oggi lo compro).
Se volete saperne di più, questo è il link alla scheda sul sito della casa editrice
Condividi su Facebook
 
Di Massi (del 11/10/2008 @ 18:08:11, in Lavoro a Barcellona, linkato 34262 volte)
Oggi mi fa piacere proporvi il sito creato da alcuni colleghi Italiani a Barcellona: www.italiansinbarcelona.com
Come giustamente scritto nella Home Page del sito, gli italiani a Barcellona si dividono, fondamentalmente, in 3 categorie:

  1. I turisti
  2. Gli italiani appena arrivati
  3. Gli italiani a Barcellona da lungo tempo e oramai integrati

Ebbene, il sito Italiansinbarcelona si rivolge proprio al terzo gruppo di Italiani: l'idea è quella di creare un forum di professionisti stabilmente residenti a Barcellona e i requisiti per l'iscrizione sono:

  1. Essere Italiano
  2. Lavorare a Barcellona da almeno un anno
  3. Avere un profilo completo ed aggiornato su linkedin
Condividi su Facebook
 

Home page
Cerca compagni d'avventura


Manuale di Sopravvivenza:

Contatti

Voli Barcellona

Consigliamo eDreams per
cercare i migliori
voli low cost Barcellona
 

Cerca per parole chiave


Titolo
Burocrazia (6)
Lavoro a Barcellona (23)
Sito (19)
Vita a Barcellona (104)

Catalogati per mese:
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019

Gli interventi più cliccati

DR JOHN SOCO è incre...
18/04/2019 @ 12:52:32
Di Esther
OFFERTA DI PRESTITO ...
17/04/2019 @ 23:49:34
Di Patrizia
OFFERTA DI PRESTITO ...
17/04/2019 @ 23:48:02
Di Patrizia
Mi sono imbattuto in...
17/04/2019 @ 14:02:34
Di sonia
Richiesta / Get-Quic...
15/04/2019 @ 23:12:51
Di Diana Guzman
Buona giornata,Hai b...
15/04/2019 @ 22:52:14
Di Robert
COPI TECHHAI MAI MES...
15/04/2019 @ 21:39:26
Di Cope Techs
COPE TECHS è un'orga...
15/04/2019 @ 21:35:06
Di Cope Techs
Vuoi vendere il tuo ...
15/04/2019 @ 13:54:05
Di Dr. louis
NESSUNA OFFERTA DI C...
15/04/2019 @ 10:10:50
Di andre