\\ Home Page : Articolo : Stampa
Barcellona e l'accessibilità
Di Massi (del 06/05/2007 @ 14:20:05, in Vita a Barcellona, linkato 3263 volte)
E' fuori discussione che Barcellona sia una città piena di bar, locali, discoteche, feste e posti per divertirsi.
Il punto è un altro: la forza di questa città, perlomeno parlando di divertimento notturno, non è il numero di posti in cui andare, ma quanto facile sia raggiungerli (ossia il tempo che passa tra l'uscire di casa e lo stare seduti sul divanetto/sedia del locale e lo stress necessario), paragonato con le città italiane.

Vi descrivo le operazioni necessarie, durante una serata tipica Romana (forse, dovrei dire Italiana, però parlo molto meglio di ciò che conosco), per andare in un bar (o meglio dire Pub...all'Italiana) per prendere qualcosa e poi una discoteca.

  1. Prendere la macchina
  2. Cercare parcheggio (quasi impossibile se ci rechiamo in una qualsiasi zona minimamente frequentata.)
  3. Pagare il parcheggiatore abusivo
  4. Fare la fila per entrare nel bar e/o ammassarsi davanti il bancone per una consumazione
  5. Pagare profumatamente la birra o quello che avete preso
  6. Bere la birra e farsi due chiacchere
  7. Decidere di spostarsi al secondo locale (magari una discoteca o simili)
  8. Riprendere la macchina
  9. Guidare fino al secondo posto (nulla vieta che ci sia pure traffico la notte)
  10. Ri-cercare parcheggio (anche peggio della prima volta)
  11. Ri-pagare il parcheggiatore abusivo
  12. Ri-fare la fila per entrare
  13. Pregare che le tue scarpe vadano bene, che la tua faccia vada bene, che i tuoi amici vadano bene...insomma che tutto vada bene e il portiere ti accordi il privilegio di poter pagare per entrare nel suo locale.
  14. Divertirsi (!!!)
  15. Riprendere la macchina per tornare a casa (dando per scontato che almeno uno si sia limitato nel bere per poter guidare tranquillo)
  16. Fare il giro delle case degli amici per accompagnare tutti
  17. Ri-ri-cercare il posto sotto casa (vabbè...questa è opzionale avendo garage/box/posto auto).

Insomma...bello stress no ? Quasi passa la voglia di uscire il finesettimana...

L'equivalente a Barcellona
  1. Uscire di casa e dirigersi alla stazione del metro
  2. Aspettare 5 minuti e salire sul treno
  3. Incontrarsi con gli amici davanti al bar
  4. Entrare e iniziare a divertirsi
  5. Decidere di spostarsi
  6. Prendere un taxi o, se è ancora aperta e ne avete voglia, la metro
  7. Arrivare davanti al secondo locale (magari una discoteca)
  8. Fare la file per entrare (che però generalmente non è lunghissima)
  9. (A meno che non vi siate presentati in tuta e scarpe da ginnastica) Pagare il biglietto ed entrare
  10. Divertirsi senza l'incubo di dover guidare dopo
  11. Cercare un taxi per tornare a casa (o, a seconda del giorno, l'ora e la voglia, la metro).
  12. Svenire sul letto

Che vi sembra ? A parità di programma (bar + discoteca) è stato molto più semplice a Barcellona, no ?

In realtà con accessibilitá non intendo solo un miglior servizio di trasporti pubblici... intendo tutto un insieme di cose tipo che fanno sì che la notte sia più "fruibile":

  • Miglior trasporto pubblico: Tanti taxi, prezzi abbastanza economici, metro che ti porta dappertutto aperta, il sabato, tutta la notte, il venerdì fino alle 2...gli altri giorni fino mezzanotte)
  • Meno problemi per entrare in un posto: un bar è un bar...non un club mooolto esclusivo...
  • Generalmente, prezzi più bassi
  • Atmosfera rilassata

A dimostrazione di ciò, pubblico un paio di foto che ho scattato ieri notte verso le 4:00, tornando a casa in metro (!!): vedete quante persone ?
Tutti giovani e tutti con il sorriso sulle labbra, dopo una serata divertente senza stress all'Italiana !