Clicca per tornare alla home page del sito - Italiani a Barcellona - Il sito degli Italiani che vivono o vorrebbero vivere e lavorare a Barcellona
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Massi (del 24/10/2006 @ 23:19:06, in Vita a Barcellona, linkato 4857 volte)
Se penso a Barcellona, penso al Rosso... non un rosso qualsiasi, ma il rosso Barcellona. Quella particolare tonalitá di Rosso dell'illuminazione dei locali del Born, del Carpe Diem, della Fiandra, dei negozietti dall'odore di incenso, dell'Ambar, dei baretti di Raval, del tramonto sulla cattedrale e sul mare.

Non ho invece un colore per Roma...strano.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 23/10/2006 @ 08:55:53, in Vita a Barcellona, linkato 2273 volte)

Mamma mia quanto tempo è passato dal mio ultimo intervento degno di nota...
Che dire, queste ultime settimane, nonostante la mia famosa pigrizia, sono stato preso da mille attivitá non sempre piacevoli di cui non voglio parlare qui.

Ovviamente ci sono state anche situazioni divertenti, tra cui la serata anni '80 di sabato scorso alla Cueva...davvero bella  (peccato che i vicini a un certo punto abbiano iniziato a lamentarsi della musica troppo alta).

Eccoil flyer per dare un'idera.

Flyer serata anni 80

Con gli altri ragazzi, abbiamo deciso di organizzare una nottata per la Befana, prendendo in affitto un capannone a Poble Nou: questa volta niente lamenti dei vicini per una serata in pompa magna.

Il programma di massima è il seguente:

  1. Aperitivo free
  2. Teatro
  3. Musica dal Vivo
  4. Discoteca

...il tutto fino all'alba ! Ovviamente consumazioni Low Price !!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (5)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 19/10/2006 @ 19:51:03, in Vita a Barcellona, linkato 2221 volte)
...è solo che ho un milione e mezzo di cose, quindi non posso scrivere troppo sul blog. Spero, questo finesettimana di poter tornare attivo !!
Articolo (p)Link Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 05/10/2006 @ 17:38:43, in Vita a Barcellona, linkato 3900 volte)

Ho appena finito di leggere questo articolo:
http://www.dweb.repubblica.it/dweb/2006/05/06/attualita/attualita/052bes49852.html

E' bellissimo come riesce a racchiudere il perchè vivere a Barcellona. Vi consiglio di leggerlo.

Ne riporto un passaggio (lunghetto):

Se sei un'artista di strada lì trovi dodici compagnie e un festival del "nuovo circo". Se suoni ci sono le scuole migliori di jazz e di flamenco, se studi economia c'è un'università privata dove danno borse di studio vere, di quelle che ti consentono di vivere. Se scrivi c'è silenzio, se hai voglia di dimenticare ci sono posti che si mangiano i pensieri. È bello intorno a te. Da quando ci sono state le Olimpiadi c'è persino di nuovo il mare: un depuratore al largo, un po' di sabbia vera e pulita ("la spiaggia non è un posacenere, non spegnere qui le cicche", dicono i cartelli), piste ciclabili per arrivarci e la gente che nella pausa pranzo, da aprile a novembre, prende un telo e va sul mare. Due tapas nel baretto sulla spiaggia, pan con tomate prosciutto e calamari, una birra corretta al succo di limone: sette euro, se scegli il posto giusto. Se fai sport c'è un campo ogni isolato, se vuoi tifare ci sono - calcio, tennis, moto, macchine - i campioni del mondo. E poi, nel piccolissimo, proprio nel dettaglio: i taxi si fermano con una mano in ogni angolo, costano da due euro e quaranta in su per gli spostamenti in centro. I mezzi pubblici - treni e metrò - ti portano dappertutto. C'è sempre il sole, piove due settimane (forse) a febbraio. A capodanno capita di cenare all'aperto. Al porto c'è una libreria di romanzi noir dove ti danno anche un piatto di riso - ci passi la serata. A los Encantes, il mercato dell'usato, arredi casa meglio che da Ikea, e con meno. Le case in affitto costano un terzo che a Roma, un quinto che a Milano. L'aria, sui marciapiedi del centro, profuma di Heno de Pravia, la colonia delle frizioni da bagno con cui si fa toilette la mattina. I marciapiedi sono fatti di mattonelle a fiori, agli angoli c'è sempre una fontana, a ogni incrocio una panchina. Se manca un albero nei filari per strada c'è una targhetta per terra che dice: "lo pianteremo il giorno tale all'ora tale" - uno può anche non crederci, ma l'idea che qualcuno abbia mandato qualcun altro a piantare quella targhetta per terra un po' rassicura sul grado di civiltà del luogo. Il catalano non è facile ma si impara in fretta, il castigliano è una musica. Ci sono parole come desencuentro, basterebbe questo. Le corride non si fanno quasi più, praticamente più. La mattina ci si alza un'ora dopo, la sera si va a letto quando si decide di farlo, volendo anche no. Se sei una donna è quasi quasi un pregio. A noi fa ridere, ma in Catalogna hanno concepito le lavatrici che funzionano solo a turno: non può attivarle due volte la stessa mano, una volta lui una volta lei. La Generalitat fa indagini per sapere quanti padri sappiano il numero di scarpe dei propri figli e gli orari di rientro pomeridiano a scuola: censura esplicita per chi non sa. Lasciamo perdere le leggi per l'uguaglianza di genere, se ne è detto molto. Poi ci sono quelle che ti consentono di fare la tua vita se stai con un uomo, con una donna, con un coe-taneo, un vecchio, un bambino. Stratosfera, vista da qui. Qui i leader della sinistra continuano a dire "non faremo come Zapatero", non l'hanno voluto in campagna elettorale perché temevano che facesse l'effetto di Che Guevara a vederlo da vicino. A Barcellona, ultimamente, il problema principale è stato quello di vietare che la notte chi aveva bisogno facesse pipì per strada. Il sindaco ha pubblicato una lettera sui giornali: "Gentili concittadini, la città è la vostra, è la nostra. Siete a casa, fate come fareste a casa". Se vuoi comprare un litro di latte o un pacchetto di sigarette ci sono alimentari e bar aperti di notte a meno di un chilometro. Se hai dimenticato le chiavi arriva il fabbro a cambiare la serratura in mezz'ora: venti euro. Se nasce qualcuno fanno una festa, se muore qualcuno fanno una festa più grande. Se vuoi un vestito per il matrimonio ti chiedono di che colore: rosso? verde? D'altra parte loro hanno Almodóvar, noi abbiamo Moretti. Poi, ovvio: non sono solo rose e fiori. Anche a Barcellona c'è chi resta indietro, anche lì c'è chi ha molto e chi molto meno. È una grande città, ha grandi periferie, grandi solitudini, grandi disuguaglianze. Però è più facile vivere dove la pratica è in marcia verso la teoria che ci deve essere un posto per tutti. Dove non c'è un tribunale permanente giudicante sull'altrui moralità. Dove anche la tragedia, se la guardi bene, ha una vena di allegria. Dove il destino è scritto, sì, ma poi ciascuno ci mette qualcosa per scrivere una parte del suo. Si sta più comodi, si sta più diritti. C'è vento, circolano l'aria e i pensieri. Si sta meglio.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (20)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 05/10/2006 @ 17:19:20, in Vita a Barcellona, linkato 2466 volte)

Purtroppo l'intervista su Repubblica TV in programma qualche giorno fa, non è stata più fatta.

Un pò più tardi dell'ora prefissata, mi chiama una signora della redazione per informarmi che, per ragioni di palinsesto, l'intervista era annullata... Peccato.... Comunque la trasmissione, al link che vi avevo passato l'altro giono, è andata in onda...ed è stata pure interessante.
L'unico neo è stata la solita intervista a Fabio Volo il quale, non appena si parla di Spagna/Barcellona, salta fuori in qualitá di grande esperto in questioni iberiche.

Capiamoci, a me Fabio Volo sta simpatico, ho letto i suoi libri ed ho visto i suoi film. Il problema non è lui...sono i giornalisti che lo trattano da guru.

Signori giornalisti...cercate di capire una cosa:

1. Fabio Volo non è mai uscito dalle rotte turistiche Barrio Gotico/Rambla/Spiaggia di Barceloneta

2. Fabio Volo è rimasto a Barcellona solamente per pochi mesi

3. Fabio Volo viveva in una situazione leggermente privilegiata, considerando che:

  • Era qui per condurre uno show per MTV, pagato da MTV
  • Viveva in un attico della Madonna al centro, con una terrazza che dominava l'intera cittá
  • Non doveva alzarsi la mattina e lavorare per due lire cercando di arrivare a fine mese
  • Era costantemente circondato da personaggi simpatici trovati dalla produzione dello show
  • Invitava persone del tipo Arbore, Fankie Hi-Energy etc. etc. a casa per cena, con una strafica come aiuto cuoca !

Detto questo, confermo che Fabio è simpatico e che la sua trasmissione era godibilissima...però basta intervistarlo ogni volta che si parla di Spagna !!

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 02/10/2006 @ 20:36:28, in Vita a Barcellona, linkato 2163 volte)
Oggi mi ha chiamato un'amica Italiana. giornalista, chiedendomi di partecipare, domani, a un programma di RepubblicaTV. Mi faranno un'intervista chiedendomi il perchè della mia scelta di vivere in Spagna e, in particolare, a Barcellona...
Bella domanda...difficile dare una risposta: non posso rispondere semplicemente "il lavoro"... in realtà avevo deciso di partire, licenziandomi dall'azienda precedente, prima di trovare la posizione attuale (che poi l'ho trovato prima di arrivare è un altro discorso). Nemmeno posso dire che l'ho fatto perchè Barcellona è una città divertente... di tutto il divertimento offerto sfrutterò sì e no il 5%

Boh... forse l'ho fatto semplicemente perchè mi piace sentirmi straniero tra stranieri... fare una cena e sentir parlare 5 lingue diverse...inorgoglirmi pensando che questa comunità europea la sto creando un pò anche io.

Forse perchè Barcellona è il posto in cui debbo stare, ora. Così...senza una ragione apparente.

In ogni caso, chi è interessato al programma lo trova in streaming a questo indirizzo: http://repubblicaradio.repubblica.it/home_page.php

alle 10:00 di mattina.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 02/10/2006 @ 00:35:31, in Vita a Barcellona, linkato 2608 volte)
Non so com'è la situazione in Italia, nei vari megastore Feltrinelli o Ricordi (mi sembra che ora siano la stessa cosa), ma l'altro giorno sono stato da FNAC per cercare un libro (Escursioni in Catalunya...che non ho trovato perchè non ricordavo bene il titolo) e sono capitato "casualmente" nel reparto CD e Videogiochi.
Sono rimasto stupito dalla quantità e dalla qualità delle offerte speciali che ho trovato: sono riuscito a tornare a casa con:

  1. David Bowie - The Platinum Collection
  2. Il meglio dei Cure
  3. Freelancer - 1 Videogioco vecchio un paio di anni ma comunque molto bello

spendendo solamente 21 euro !!
Incredibile.

Considerate che erano anni che non compravo niente di originale...
A questo punto, a costo di sembrare banale, mi viene da dire: ben venga la musica e il software originale a questi prezzi !! Chiaro che tra il CD del Marocchino sottocasa e il pezzo originale per pochi euro in più compro l'originale...ma se pensano che io spenda 25 euro per un CD, si sbagliano di grosso...

Spero che cambino un pò le cose e che le case discografiche aprano gli occhi: la musica scaricata da internet non si ferma a suon di denuncie, ma con prezzi giusti e convenienti !
Avrei potuto benissimo scaricare le stesse cose ma, per quella cifra, mi sembrava più corretto comprare tutto originale (per non parlare ovviamente del piacere della copertina, il libretto e la stampa sul CD)....e come me avranno fatto migliaia di persone !
Articolo (p)Link Commenti Commenti (7)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 29/09/2006 @ 09:58:50, in Vita a Barcellona, linkato 2613 volte)

Ho passato la settimana semi-addormentato! Sul serio...non so bene cosa ho fatto: mi è volata così, seduto sul divano a fare zapping (lo confesso...mi sono portato Sky dall'Italia !). Bisogna fare qualcosa, dico...quindi...progetti per il mese di Ottobre:

  • Una festa anni 80 alla Cueva. Dovrebbe essere il 21 Ottobre. Ho quasi finito di preparare il flyer: questa volta il motivo sará "Miami Vice"
  • Ampliare il sito: un paio di amiche mi hanno dato una bella idea: una sezione "Storie di Italiani" con interviste e foto di italiani a Barcellona...capire che fanno, come vivono, perchè sono venuti, etc. etc.
  • Ricominciare a suonare: prima dell'estate avevamo un gruppo (senza nome e senza cantante...). Vorrei riprendere con le prove !

Boh..mi sembra abbastanza. Vediamo quante di queste cose riuscirò a fare effettivamente ! Vi tengo aggiornati.

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (8)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 22/09/2006 @ 15:21:44, in Lavoro a Barcellona, linkato 2594 volte)

Per tutti, prima o poi arriva la crisi del "guiri a BCN": che ci faccio qui, è ora di crescere, non trovo altri lavori a parte il call center, non riesco ad integrarmi, i miei amici sono tutti partiti, etc. etc.

A questo punto le strade che vengono intraprese sono 2: si rimane o si parte (beh...ho scoperto l'acqua calda...).
A crisi passata, per chi rimane, si aprono varie prospettive: fregarsene del lavoro e concentrarsi sulla propria vita privata (divertimento, amici, amore, famiglia), o cambiare carriera... basta aziende multinazionali, basta call center...voglio un lavoro stimolante...

Purtroppo trovare il lavoro perfetto non è per niente semplice... è difficile a casa propria, immaginarsi all'estero. Una delle possibilitá è quella di mettersi in proprio: ho conosciuto una ragazza australiana che andava alla grande distribuendo "sea monkeys"...scimmie d'acqua vendute liofilizzate nei grandi magazzini e nei negozi di giocattoli).

Mi sembra che Barcellona aiuti molto i giovani imprenditori. Innanzitutto, una delle possibilitá, al momento di rimanere disoccupati, è quella di chiedere tutto il denaro del Paro (vedi la guida sul lavoro) anticipato, così da a avere in piccolo capitale con il quale iniziare una piccola attivitá.
Penso che chiederanno di produrre una specie di business plan, così da dimostrare che i soldi non verranno impiegati per andare in vacanza, ma per costruire davvero qualcosa... Sebbene non abbia mai approfondito troppo il discorso, è sicuramente importante tenere questa opportunitá a mente ed informarsi.

Per l'imprenditore in erba, il sito di riferimento è senz'altro quello di Barcelona Activa , la struttura dell'Ajundamento dedicata allo sviluppo imprenditoriale. Forniscono molte informazioni interessanti e aiuto operativo su come aprire un'attivitá in Cataluñia.
Dateci un'occhiata...

 

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (6)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 19/09/2006 @ 16:52:16, in Vita a Barcellona, linkato 2578 volte)

Il prossimo finesettimana, sará di nuovo la festa della Mercè: tutta la cittá per strada festeggiando e facendo l'alba in compagnia delle mille iniziative previste. Per un elenco completo, vi consiglio il sito ufficiale: http://www.bcn.cat/merce/castella/lafesta_musica.shtml

Sembrerebbe che l'evento più importante (almeno x me) sará il concerto gratis (e la parola gratis a Barcellona, considerando che i Catalani non conoscono il significato di questa parola, vuol dire tanto !!) degli Asian Dub Foundation la Domenica sera (il Lunedì è festa...giusto x riprendersi dei bagordi della notte precedente).

 

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (6)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

Home page
Cerca compagni d'avventura


Manuale di Sopravvivenza:

Contatti

Voli Barcellona

Consigliamo eDreams per
cercare i migliori
voli low cost Barcellona
 

Cerca per parole chiave


Titolo
Burocrazia (6)
Lavoro a Barcellona (22)
Sito (19)
Vita a Barcellona (105)

Catalogati per mese:
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019

Gli interventi più cliccati

Salve Sig.r. & S...
14/02/2019 @ 06:40:00
Di LAURA
Salve Sig.r. & S...
14/02/2019 @ 06:39:12
Di LAURA
Salve Sig.r. & S...
14/02/2019 @ 06:38:13
Di LAURA
Salve Sig.r. & S...
14/02/2019 @ 06:37:49
Di LAURA
Ecco il suo indiri...
13/02/2019 @ 17:09:13
Di lucia
e dopo che ho ottenu...
13/02/2019 @ 17:05:06
Di lucia
che hotasse pagate.I...
13/02/2019 @ 16:52:02
Di lucia
prestito testimonian...
13/02/2019 @ 16:49:47
Di lucia
Sono un privato, azi...
13/02/2019 @ 15:51:48
Di franklin
Finalmente un credit...
13/02/2019 @ 09:57:09
Di MAROTTA