Clicca per tornare alla home page del sito - Italiani a Barcellona - Il sito degli Italiani che vivono o vorrebbero vivere e lavorare a Barcellona
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Massi (del 18/04/2007 @ 15:29:56, in Vita a Barcellona, linkato 2932 volte)
Magari lo conoscete giá... in ogni caso, per chi non lo conosce:

http://www.atrapalo.com



Offerte speciali per spettacoli, viaggi, vacanze, concerti etc. etc. in tutta Spagna

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 20/04/2007 @ 18:32:58, in Vita a Barcellona, linkato 2928 volte)
Scrivo questo post dall’aereo Ryanair che mi porta a Roma, dove rimarrò per i prossimi 10 giorni. Ogni volta che volo con loro prometto che sarà l’ultima...fino al prossimo biglietto a 1 centesimo spese e posti assegnati esclusi !
Comunque...considerato che il bambino dietro di me sembra (...sembra...) essersi addormentato, che io sono riuscito a sedermi su una poltrona davanti all’uscita di sicurezza (consiglio per i viaggiatori Ryanair: sempre posti davanti alle uscite di sicurezza...avete il doppio di spazio per le gambe. Dovrebbero essere le file 16 e 17) e che l’aereo è partito con soli 30 minuti di ritardo (nonostante, per la gioia di mio padre che mi verrá a prendere, il capitano paventa la possibilitá di atterrare a Fiumicino invece che a Ciampino come previsto), non mi lamento !
Sono due giorni che penso a questa città e all’immagine che si è costruita verso l’esterno.
Fatevi un giro verso le 7 di sera per la spiaggia del Porto Olimpico.
Cosa vedete ?
Inglesi/Tedeschi/Italiani/Americani in ciabatte da mare (normalmente infradito marca Hawaianas) sorseggiando un cocktail in locali trendy finto-zen, divani in riva al mare, musica lounge stile Cafè del Mar.
Bene...
Ora, andate all’aeroporto di Girona, settore partenze, e guardatevi intorno.
Cosa vedete questa volta?
Gli Inglesi/Tedeschi/Italiani/Americani di prima, con le stesse ciabatte da mare,  con il sombrero in testa (comprato in uno qualsiasi dei negozi di souvenir della Rambla), la maglietta del Barca o della Renault di Alonzo (l’anno passato...quest’anno indossano quella della Mercedes).

Sapete cosa cantava oggi in aeroporto un gruppo di Italiani ? “Hace Calor”...una canzone vecchissima (penso) della movida Madrileña anni 80.

Un’espressione tipica di qui è “Ti vendono la moto”, che significa far apparire le cose un pò differenti da quello che sono in realtà.

Questa è la moto che ti vende Barcellona: da un lato ti fa sentire come uno dei personaggi di Jordi Labanda (non per niente si è trasferito in pianta stabile a BCN)...bello, elegante, perfettamente integrato nel bel mondo, padrone di se e a suo agio mentre, in uno qualsiasi dei locali alla moda di cui sopra, sorseggia il suo mojito.
Dall’altra, con i turisti, prova a far finta di essere Spagna, offrendo al turista ignaro delle battaglie sociali per una Catalunya libera e indipendente (anzi...spesso ignari anche dell’esistenza di una regione chiamata Catalunya), vestiti a pois da Sevillana (il ballo), nacchere, sangria gelata e avanzi di movida, con annessi e connessi.

La cosa geniale è che questa non la solita trappola per turisti mordi e fuggi: se vai a Venezia per 2 giorni e decidi di prendere un cappuccino seduto in un bar di piazza San Marco, lo sai e te ne assumi tutta la responsabilità. Ma non penso esistano veneziani che abitualmente prendono il caffè a piazza S. Marco. Invece Barcellona è più subdola...anche noi residenti stranieri, molto spesso, ci compriamo la moto...felici e beati di averla comprata...soddisfatti del nostro appartenere al bel mondo di Jordi Labanda (per chi continua a chiedersi chi è questo Jordi Labanda, date un'occhiata qui o qui),  o della nostra autentica comprensione e vicinanza empatica alla cultura gitana.
Il fatto è che molti di noi (perlomeno io), vengono a Barcellona proprio per questo: sentirci parte del Jet-set nei giorni pari, mezzi gitani in quelli dispari...

Nonostante siano quasi 3 anni, ancora (ma meno di prima) compro questa moto...basta sapere di che moto si tratta !
Articolo (p)Link Commenti Commenti (19)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 23/04/2007 @ 15:50:34, in Vita a Barcellona, linkato 2654 volte)
Ragazzi, ho ricevuto una mail da Maria Adelaide che mi chiede se ci sono imolesi a Barcellona interessati a un'intervista.
Potete risponderle all'indirizzo maria.adelaide@alice.it

Salve, mi chiamo MariaAdelaide e collaboro con un settimanale di Imola (Bologna), Il Nuovo Diario Messaggero, per il quale, fra altre cose.... tengo una rubrica sugli 'imolesi all'estero'. Ogni settimana pubblichiamo la testimonianza e l'esperienza di imolesi di ogni età che per motivi di lavoro o di studio, per un periodo determinato o trasferiti per sempre, si trovano in un altro Paese. Non è che potreste darmi una mano con un annuncio nel vostro sito? Ci sono imolesi a Barcellona che mi vogliano contattare? Grazie mille!
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 24/04/2007 @ 14:14:32, in Vita a Barcellona, linkato 14802 volte)
Ogni volta che torno a Roma per un tempo superiore al weekend, iniziano inevitabilmente i confronti tra le due cittá.Purtroppo non esiste un “meglio assoluto”....a volte vorrei essere una di quelle persone le cui biografie scrivono “visse  tra Barcellona e Roma etc. etc.”. Purtroppo per fare ciò o si è molto ricchi di famiglia, o si ha un lavoro molto diverso dal mio (Fabio Volo docet...ora è a Parigi, mi dicono...)

 Voglio cercare di schematizzare, forse solo a mio esclusivo uso e consumo, le cose in cui Barcellona batte Roma e, viceversa, ciò che di Roma preferisco rispetto la capitale Catalana.

Allora...procedo con l’elenco.

Barcellona è meglio di Roma per:

  1. I taxi economici, la metro e, i trasporti pubblici: si può vivere per anni senza macchina o moto, muovendosi solamente in metro/autobus e, occasionalmente, in taxi
  2. Il mare in cittá e la costa brava a un’ora di treno
  3. Il costo della vita un pò più basso: anche se ormai la differenza non è più così marcata, ancora si risparmia qualcosa rispetto a Roma
  4. La facilitá nell’uscire e passare una bella serata: Barcellona è una cittá giovane. Il che non solo significa tanta offerta, ma soprattutto tanta varietá: varietá di ambienti, varietá di budget, varietá di gente....ognuno trova quello che cerca....senza svenarsi per passare una bella serata fuori !
  5. L’ambiente internazionale: mi piace sentirmi “straniero tra stranieri”. Probabilmente questo è vero anche per gli stranieri che vivono a Roma ma, essendo io nato e cresciuto lì, avendo una marea di amici del liceo/universitá/lavoro, purtroppo non frequento l’ambiente internazionale Romano.
  6. Le verande dei palazzi dell’Eixample: sogno una grande casa con veranda (non so se questo è il termine giusto. Mi riferisco a quella specie di terrazze coperte tipiche dell’eixample) in cui creare uno studio o un angolo libreria/lettura.
  7. Il traffico ordinato: uno non se lo aspetta dagli spagnoli, ma tutto sommato guidano in maniera piuttosto regolare e ordinata. Si rispettano le corsie, si lascia uno spazio in mezzo per far passare i motorini, cedono il passo se devono. Tutto il contrario dei Romani: oggi mi sembrava di assistere a una partita di Tetris, i cui pezzi erano le automobili.

Roma è meglio di Barcellona per:

  1. Estate Romana: mesi di concerti, cinema, spettacoli teatrali e cultura in genere gratis (o quasi), di altissimo livello, all’aperto, circondati da millenni di storia...! Barcellona se la sogna !
  2. L’odore di primavera: Probabilmente grazie a tutti gli alberi che ci sono (dicono che sia la cittá più verde d’europa), la primavera a Roma profuma di buono. Barcellona non odora di niente (o peggio, dati i problemi che hanno con le fognature, l’estate il centro puzza !).
  3. La cultura: mi sembra che Roma sia culturalmente più attiva. O perlomeno è più attiva di iniziative che fruisco e condivido.
  4. I colori: preferisco i colori di Roma al grigio dell’Eixample. A parte alcune eccezioni.
  5. L’ironia dei Romani: la maggior parte dei Catalani si prende troppo sul serio. Un pò più di leggerezza alla Romana gli farebbe bene.
  6. Il cappuccino e il cornetto la notte prima di tornare a casa: vi sembrerá incredibile per una metropoli come Barcellona, ma la notte, superata una certa ora, è praticamente impossibile mangiare qualcosa prima di tornare a casa... L’istituzione cornetterie notturne, in cui “fare colazione” (tradizione tutta Romana) non è stata ancora esportata. Chi ha voglia di fare business è avvertito !
  7. I negozi aperti la domenica: non tutti ovviamente, ma a Roma alcuni negozi aperti ci sono. Se volete fare un pò di shopping, andare a comprare un libro/film/CD da Feltrinelli o rinnovare l’arredamento di casa a Ikea potete farlo. A Barcellona, tranne alcuni bar, l’Opencor e i Pakistani, la domenica è tutto chiuso per legge.

Voglio fermarmi qui...senza vincitori o vinti, con un bel pareggio secco: sette a sette.

D’altronde l’ho detto che non esite un meglio assoluto ! In questo caso ripeto che mi piacerebbe essere molto ricco o molto radical chic per poter dire “vivo tra Barcellona e Roma” ... ovviamente cambiando di cittá quando più mi  aggrada e/o conviene.

Chiedo troppo ???

Articolo (p)Link Commenti Commenti (26)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 30/04/2007 @ 22:35:27, in Lavoro a Barcellona, linkato 2956 volte)
Ho aggiornato la sezione Lavoro della guida inserendo le preziosissime informazioni sul NIE discusse su questo post.

Ringrazio tutti gli utenti per il preziosissimo aiuto !
Articolo (p)Link Commenti Commenti (6)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 05/05/2007 @ 14:07:41, in Vita a Barcellona, linkato 2850 volte)
Sabato prossimo, come succede più o meno ogni mese , metterò un pò di musica alla Cueva.

Generi della serata:

  1. Cinecittà beat
  2. Cinevox Style
  3. Funk
  4. Seventies

Sia il Cinecittà beat che il Cinevox style nascono da una (piccola) ricerca fatta tra le colonne sonore più all'avanguardia dei decenni 60 e 70...soprattutto tra quelle di produzione Cinevox.
Vi ricordo l'indirizzo della Cueva:

C\ Argenter 9 - Metro Urquinaona.
Si trova dalle parti del Palau de la Musica.

Ecco il flyer.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 06/05/2007 @ 14:20:05, in Vita a Barcellona, linkato 3505 volte)
E' fuori discussione che Barcellona sia una città piena di bar, locali, discoteche, feste e posti per divertirsi.
Il punto è un altro: la forza di questa città, perlomeno parlando di divertimento notturno, non è il numero di posti in cui andare, ma quanto facile sia raggiungerli (ossia il tempo che passa tra l'uscire di casa e lo stare seduti sul divanetto/sedia del locale e lo stress necessario), paragonato con le città italiane.

Vi descrivo le operazioni necessarie, durante una serata tipica Romana (forse, dovrei dire Italiana, però parlo molto meglio di ciò che conosco), per andare in un bar (o meglio dire Pub...all'Italiana) per prendere qualcosa e poi una discoteca.

  1. Prendere la macchina
  2. Cercare parcheggio (quasi impossibile se ci rechiamo in una qualsiasi zona minimamente frequentata.)
  3. Pagare il parcheggiatore abusivo
  4. Fare la fila per entrare nel bar e/o ammassarsi davanti il bancone per una consumazione
  5. Pagare profumatamente la birra o quello che avete preso
  6. Bere la birra e farsi due chiacchere
  7. Decidere di spostarsi al secondo locale (magari una discoteca o simili)
  8. Riprendere la macchina
  9. Guidare fino al secondo posto (nulla vieta che ci sia pure traffico la notte)
  10. Ri-cercare parcheggio (anche peggio della prima volta)
  11. Ri-pagare il parcheggiatore abusivo
  12. Ri-fare la fila per entrare
  13. Pregare che le tue scarpe vadano bene, che la tua faccia vada bene, che i tuoi amici vadano bene...insomma che tutto vada bene e il portiere ti accordi il privilegio di poter pagare per entrare nel suo locale.
  14. Divertirsi (!!!)
  15. Riprendere la macchina per tornare a casa (dando per scontato che almeno uno si sia limitato nel bere per poter guidare tranquillo)
  16. Fare il giro delle case degli amici per accompagnare tutti
  17. Ri-ri-cercare il posto sotto casa (vabbè...questa è opzionale avendo garage/box/posto auto).

Insomma...bello stress no ? Quasi passa la voglia di uscire il finesettimana...

L'equivalente a Barcellona
  1. Uscire di casa e dirigersi alla stazione del metro
  2. Aspettare 5 minuti e salire sul treno
  3. Incontrarsi con gli amici davanti al bar
  4. Entrare e iniziare a divertirsi
  5. Decidere di spostarsi
  6. Prendere un taxi o, se è ancora aperta e ne avete voglia, la metro
  7. Arrivare davanti al secondo locale (magari una discoteca)
  8. Fare la file per entrare (che però generalmente non è lunghissima)
  9. (A meno che non vi siate presentati in tuta e scarpe da ginnastica) Pagare il biglietto ed entrare
  10. Divertirsi senza l'incubo di dover guidare dopo
  11. Cercare un taxi per tornare a casa (o, a seconda del giorno, l'ora e la voglia, la metro).
  12. Svenire sul letto

Che vi sembra ? A parità di programma (bar + discoteca) è stato molto più semplice a Barcellona, no ?

In realtà con accessibilitá non intendo solo un miglior servizio di trasporti pubblici... intendo tutto un insieme di cose tipo che fanno sì che la notte sia più "fruibile":

  • Miglior trasporto pubblico: Tanti taxi, prezzi abbastanza economici, metro che ti porta dappertutto aperta, il sabato, tutta la notte, il venerdì fino alle 2...gli altri giorni fino mezzanotte)
  • Meno problemi per entrare in un posto: un bar è un bar...non un club mooolto esclusivo...
  • Generalmente, prezzi più bassi
  • Atmosfera rilassata

A dimostrazione di ciò, pubblico un paio di foto che ho scattato ieri notte verso le 4:00, tornando a casa in metro (!!): vedete quante persone ?
Tutti giovani e tutti con il sorriso sulle labbra, dopo una serata divertente senza stress all'Italiana !




Articolo (p)Link Commenti Commenti (17)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 08/05/2007 @ 15:22:21, in Burocrazia, linkato 29197 volte)
Come ogni anno, è arrivato il momento di dichiarare i redditi percepiti l'anno scorso (2006).
Immagino che molte persone, come me all'inizio, non abbiano chiarissima questa procedura: ovviamente non sono un esperto, vi parlo della mia esperienza personale e di quello che ho capito dovendo fare la dichiarazione l'anno scorso e quest'anno: mi farebbe piacere se da questo post partisse un bello scambio di informazioni e commenti...un pò com'è successo con il NIE (vedi) qualche tempo fa.

Per quel che ho capito, la dichiarazione dei redditi è obbligatoria se nel 2006 si sono verificate le seguenti condizioni

- avete lavorato in Spagna per più di sei mesi (la residenza fiscale, quindi il paese in cui dovete pagare le tasse, è quello in cui si lavora per più di sei mesi.)
e
- avete guadagnato più di € 22.000 provenienti un solo datore di lavoro (o almeno € 8000 da più datori)

Date un'occhiata in questa pagina dell'Agenzia Tributaria alle condizioni per le quali si può evitare presentare dichiarazione (evitare di presentare dichiarazione NON significa non pagare le tasse...quelle probabilmente giá le avete pagate in busta paga).

Allora, ammettendo che siate obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi e siate lavoratori dipendenti (il mio caso) potete seguire due strade:

Farvi assistere dall'agenzia tributaria o compilare la dichiarazione per conto vostro.


Farvi assistere dall'Agencia tributaria
in pratica, prendete un appuntamento con loro e un impiegato compilerà la dichiarazione per voi.
Sinceramente, vi consiglio questa strada: è la più sicura e con meno possibilitá di errore (per esperienza, ho imparato che è sempre meglio non sbagliarsi con le tasse !).
Per fissare un appuntamento, telefonate al numero 901.121.224 durante i mesi di Maggio e Giugno (meglio Maggio...Giugno è pieno zeppo di gente) per fissare una "cita previa" (vi diranno al telefono qual'è l'ufficio più vicino a casa vostra).
Durante tale incontro un impiegato provvederà ad esaminare i vostri documenti e compilare la vostra dichiarazione.
Sia nel caso in cui dovrete pagare qualcosa, che nell'ipotesi di essere creditori con l'erario, l'impiegato stesso vi spieghera i dettagli del pagamento/riscossione.

Ricordatevi di portare con voi:

  • il Certificado de retenciones e ingresos a cuenta del Impuesto sobre la Renta de las Personas Fisicas: tipo il nostro CUD. Lo deve rilasciare l'azienda per la quale lavorate (, se sono più di una, tutte quelle per le quali avete lavorato nel 2006). Contiene il riepilogo di quanto avete guadagnato, quanto avete pagato di tasse e quanto di seguridad social
  • il vostro numero di conto corrente
  • un documento valido
  • il NIE
  • qualsiasi documento utile per eventuali sgravi fiscali (ad esempio, il contratto di affitto...se ne avete uno regolare, o il certificato di "cuenta vivienda"...etc. etc.).
  • Se potete scaricare l'affitto di casa (condizione necessaria, ma non sufficiente, è avere un contratto di affitto regolare intestato a voi. Non vale l'affitto di una stanza o il subaffitto in nero), avrete bisogno del numero di "referencia catastral". Lo trovate a questo indirizzo web: https://ovc.catastro.meh.es/CYCBienInmueble/OVCConsultaBI.htm
Vi consiglio di chiamare il numero 901.33.55.33 prima della cita previa: vi diranno cosa può essere scaricato dalle tasse e quali documenti portare con voi.

Compilare la dichiarazione per conto vostro
Vi sconsiglio questa strada...soprattutto se è la prima volta che presentate la dichiarazione in Spagna. Rischiate sempre di omettere qualcosa.
Comunque...se proprio volete essere autonomi, potete scaricare questo software dal sito dell'Agenzia Tributaria.
Una volta inseriti i dati necessari, il programma si occupa di compilare il modulo e permettere la stampa della dichiarazione, pronta per essere consegnata all'agenzia tributaria.
Il software può essere utilizzato per darvi un'idea su quanto dovrete pagare o quanto dovrete ricevere dall'erario (io l'ho usato proprio per questo...).



Articolo (p)Link Commenti Commenti (67)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 11/05/2007 @ 12:27:19, in Vita a Barcellona, linkato 10042 volte)
Questo periodo, complice probabilmente l'estate, sto ricevendo tantissime email di visitatori del sito che mi chiedono consigli su scuole e corsi di spagnolo a Barcellona.

Quella che suggerisco sempre è la Babylon Idiomas: ho studiato da loro un paio di anni fa e mi sono trovato davvero bene !

Questi sono i motivi:
  • Classi piccole (quindi molta interazione con i docenti)
  • Insegnanti simpatici e preparati
  • Flessibilitá per venire incontro alle varie esigenze degli studenti (...siamo pure in vacanza !!!)
  • Ambiente Simpatico
  • Organizzano uscite di gruppo e attivitá varie
  • Se vuoi, ti danno anche alloggio in un appartamento condiviso o da soli, quindi non ti devi stressare a cercare una sistemazione per le settimane di corso
  • Sono al centro e la sede e molto carina (con un terrazzo enorme)
Questo è il link al loro sito web....

per favore, se volete dare un'occhiata al sito, fatelo attraverso uno qualsiasi di questi link. Se riusciamo a generare un certo "traffico" proveniente da Italianiabarcellona, può essere che ci sponsorizzano il sito !!

ciao

Articolo (p)Link Commenti Commenti (28)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Massi (del 21/05/2007 @ 12:55:50, in Burocrazia, linkato 22330 volte)
La scorsa settimana ho finalmente deciso a farmi assegnare un medico de cabecera... l'equivalente del nostro Medico della Mutua.
Oltre all'ovvia necessitá di un medico che ci assista e ci guarisca, il Medico de Cabecera è indispensabile per farsi rilasciare la "baja", ossia il permesso per starcene a casa dal lavoro se siamo malati (o depressi : - ) ).

Condizione necessaria per l'assegnazione del dottore è l'empadronamiento: penso di averne giá parlato su queste pagine... comunque ripeto per sicurezza.
L'empadronamiento è una sorta di certificato di domicilio: in pratica certifica il nostro vivere a un particolare indirizzo.
Per ottenerlo basta andare, con il contratto di affitto a priorio nome (o il contratto di affitto a nome di qualcun altro + una lettera in cui si dichiara che vivete in quella casa + una copia del documento dell'intestatario del contratto) presso una qualsiasi "Oficina de atencion al ciudadano".
Trovate l'indirizzo di quella del vostro distretto  qui.

Prendete il numero, fate la file, mostrate tutta la documentazione e in un'oretta avete finito.

Nel mio caso, dato che l'empadronamiento giá l'avevo fatto, sono andato solo per farmi stampare una copia aggiornata: con mio grandissimo piacere, ho scoperto che, nello stesso ufficio, è possibile farsi rilasciare gratuitamente una chiave USB contenente un certificato digitale da utilizzare successivamente per richiedere tutti i certificati on-line presso il sito dell'Ayundamiento (autenticandosi attraverso il link "accesso tramite certificato digitale").
In questo modo eviterete inutili file per richiedere i vari certificati.

Comunque...una volta ottenuto il certificato di empadronamiento, potrete andare a iscrivervi alla sanità pubblica.
Chiedete all'impiegato dell'Oficina de Atencion al ciudadano qual'è la struttura medica di competenza per il vostro quartiere.
Nel mio caso, per Eixample Dret, si trova a Calle Dos de Mayo con Corsega e ricevono dal Martedì al Venerdì, dalle 14:00 alle 15:00...magari nel caso vostro è differente.

Per iscriversi bisogna presentare:

1. fotocopia del documento d'identità
2. fotocopia della seguridad social
3. certificato di empadronamiento
4. in modulo che rilasciano loro, compilato con i vostri dati

Una volta presentati questi documenti aspettate un mesetto buono e vi arriverà a casa la scheda sanitaria.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (152)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

Home page
Cerca compagni d'avventura


Manuale di Sopravvivenza:

Contatti

Voli Barcellona

Consigliamo eDreams per
cercare i migliori
voli low cost Barcellona
 

Cerca per parole chiave


Titolo
Burocrazia (6)
Lavoro a Barcellona (24)
Sito (21)
Vita a Barcellona (104)

Catalogati per mese:
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Offerta di finanziam...
22/06/2022 @ 11:12:28
Di Mario
offrono un prestito ...
20/06/2022 @ 15:59:24
Di yvette
Ti offriamo un prest...
20/06/2022 @ 15:55:29
Di yvette
Offerta di prestito ...
19/06/2022 @ 11:51:03
Di yvette
Miglior Offerta di P...
19/06/2022 @ 11:50:01
Di yvette
SALUTI DALLA SEDE MO...
14/06/2022 @ 15:16:11
Di illuminati
Offerta di prestito ...
14/06/2022 @ 10:17:22
Di Giovanna
Buongiorno. Imprendi...
14/06/2022 @ 10:16:42
Di Giovanna
Per tutti coloro che...
14/06/2022 @ 10:16:09
Di Giovanna
Buongiorno a tutti. ...
14/06/2022 @ 10:15:10
Di Giovanna